• NEWS

    Nasce “Occhi grandi”

    Alle donne, con i loro difetti e pregi, con la loro forza e contraddizione. Con tutti quei dettagli che le rendono uniche e abili conduttrici della propria vita.
    Noi di ZonaFranca vogliamo omaggiarle in parole e musica con OCCHI GRANDI. Un Reading musicale che si inserirà in una iniziativa promossa dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Parma per celebrare tutte le donne. L’appuntamento era già in calendario, ma poi è stato rinviato a causa della pandemia. Ma intanto il lavoro prosegue: nella foto un momento di prova, insieme anche se “distanziate”, al Centro Giovani Federale.

    Collaborazioni – “r.Esisto”

    24 ore di teatro senza…teatro. O meglio senza la versione consueta del teatro e del suo incontro con il pubblico. 

    Alla maratona teatrale “r.Esisto”, svoltasi il 6-7 marzo per iniziativa del Teatro del Cerchio, hanno preso parte anche le nostre Franca Tragni e Giulia Canali.

    Giulia  ha voluto lavorare sulla parola “sogno”: era interessata ad approfondire l’atto di resistenza di sognare , la forza di cambiamento che porta con se la forza del sogno.

    Il tempo a lei assegnato era alla mattina dove la fascia del pubblico sarebbe stata quella dell’infanzia e dei ragazzi. Quindi pensando di poter dialogare con un giovane pubblico ha voluto portare di nuovo a galla l’importanza di sognare in questo momento storico così stagnante che ci porta a vivere all’interno di 4 muri coesistendo 24 ore insieme a altre persone e non avendo mai un vero e proprio tempo per se stessi.
    Per fare questo ha utilizzato il personaggio di Oliva Cipolloti un’Esploratrice professionista che gira il mondo alla ricerca di cose strane. In questa occasione Olivia si è fatta porta voce di Willow, l’omino dei sogni incontrato in uno dei suoi tanti viaggi; che molto preoccupato per il futuro della sua terra chiede a lei di piantare ogni giorno un seme di “sogno nuovo”. Olivia così trova l’occasione di invitare ogni bambino a piantare con lei queste semenze per fa si che la nebbia dei sogni spezzati invada la terra di Willow.

    Franca ha proposto un frammento di “Attacchi di passione”, uno dei suoi spettacoli più amati.  Qui infatti Franca interpreta se stessa dando voce alla sua personale esperienza e parla di paura, nella sua versione patologica e paralizzante che solo negli anni ’80 ha trovato l’identità in un nome e che moltissime persone, prese di sprovvista, hanno sperimentato senza sapere cosa fosse: l’attacco di panico. Vent’anni di convivenza forzata con un ospite indesiderato – che speri si fermi solo qualche giorno ma che subdolamente prende possesso dei tuoi spazi, del tuo respiro, della tua vita – sono condensati in un racconto largamente autobiografico, che entra negli spoettatori.